Recensione: CLOVERFIELD

Recensione film Cloverfield film adrenalinico di Matt Reeves



TITOLO ORIGINALE: Idem

NAZIONE: Usa

ANNO: 2008

REGIA: Matt Reeves

INTERPRETI PRINCIPALI: Michael Stahl-David, T. J. Miller, Jessica Lucas, Odette Yustman, Lizzy Caplan, Mike Vogel

GENERE: Horror, Fantascienza

DURATA: 85 min (1h25min), Colori


SINOSSI: Una festa organizzata da dei ragazzi viene interrotta da quello che sembra un terremoto. I ragazzi scendono in strada e scoprono una spaventosa verità.



RECENSIONE: Il film inizia lentamente. Ma la noia si trasforma subito in azione. La pellicola si consuma velocemente, l'adrenalina è sempre alle stelle. Anche se il soggetto è molto scontato la realizzazione non ha pari. Infatti è tutto girato in presa diretta, con lunghi (finti) piani-sequenza, tutto in prima persona con camera a mano. Niente di nuovo, dal punto di vista stilistico, (si veda Nodo alla Gola di Hitchcock) ma è grazie questa tecnica e agli avanzati effetti speciali che questo film è così coinvolgente. Ci si trova dentro all'azione, non si ha tempo di pensare, gli eventi evolvono così velocemente che non si ha tempo di digerire quello che è appena successo. Le urla, il panico e le immagini fortemente traballanti sono molto presenti e, quello che per molti può sembrare un difetto, o comunque qualcosa di molto fastidioso, le inquadrature sghembe tremolanti e poco nitide sono il punto di forza del film, ma non solo. Fanno parte della trama stessa visto che chi riprende è un vero e proprio personaggio del film. Lo spettatore si veste dei panni dell'amico del protagonista e dal suo punto di vista vive una sera da dimenticare a New York. In questo film esistono tutte le paure che la società americana sta vivendo in questi ultimi anni e il ricordo dell'undici settembre è più vivo che mai. Il sotto-testo delle fobie americane è forte e poco celato (la gente che corre in strada sfuggendo da una nube di polvere e le telefonate ai genitori fanno eco ad altri fatti, purtroppo di cronaca vera), ed un brivido corre per la schiena. Un triste deja vu investe lo spettatore ma non ha tempo di pensarci su che la macchina da presa scappa. Fino a metà del film non si sa da che cosa.  Il mistero rimane quasi fino all'ultimo e le ultime scene concitate sono la degna fine di un film che è una mera macchina di intrattenimento, forse un pò fine a sè stesso, ma molto coinvolgente che lascia un buon retrogusto sul palato dello spettatore. Film vuoto di contenuti "intellettuali" ma pregno di azione e suspance.

CURIOSITA': (Fonte WIkipedia)
- Il film è uscito negli Stati Uniti il 18 gennaio 2008, pochi giorni prima dell'uscita della quarta stagione di Lost, prodotta dallo stesso J.J. Abrams.
- La scena in cui la testa della Statua della libertà viene decapitata e lanciata come un proiettile tra i grattacieli di New York prende ispirazione dalla locandina di 1997: fuga da New York del 1981 di John Carpenter.
- All'inizio del film appare un breve cameo in cui è visibile Jason Biggs (interprete di Jim Levenstein in American Pie). Si presume che durante il film muoia a causa del mostro.
- Jason "Hawk" Hawkins (Mike Vogel) indossa una maglietta con il marchio della bevanda fittizia chiamata Slusho. La bevanda nasce in alcuni episodi della serie TV Alias, ed è stata usata anche per alcune foto promozionali del serial Heroes.
- Il film inizia e finisce curiosamente nel medesimo luogo, e cioè a Central Park. Nella prima scena Rob e Beth si trovano a casa del padre mentre nell'ultima scena si trovano dove è caduto l'elicottero che li trasportava via da New York.
- Nel film non compaiono bambini, in quanto il regista temeva che potessero lasciarsi sfuggire informazioni sulla trama del film.
- Hud, il cameraman di tutto il film, è anche un acronimo che in inglese sta per "head up display" (h.u.d.), un visore che, in aeronautica, è utilizzato per la monitorizzazione dei dati di volo. È quindi probabile che il regista abbia scelto tale nome per definire il punto di vista dello spettatore.
- Nelle immagini iniziali del film compare il simbolo della Dharma, società fittizia presente nel telefilm Lost, creato dallo stesso J.J. Abrams.
- Il film è privo di una colonna sonora musicale appositamente scritta, salvo che nella sequenza di scorrimento dei titoli di coda, in cui si ascolta una composizione sinfonica scritta dal musicista Michael Giacchino, abituale collaboratore del produttore J.J. Abrams (sono di Giacchino le colonne sonore delle serie televisive Alias e Lost, e del film Mission: Impossible 3).
- Il brano musicale, per orchestra e voce femminile solista, dura 9 minuti nella versione che accompagna il termine del film, mentre è disponibile una versione integrale di 12 minuti acquistabile nei siti di download musicale. La musica paga un evidente tributo alle composizioni sinfoniche del cinema nipponico dedicato a Godzilla, scritte da Akira Ifukube.
- La scelta di utilizzare Manhattan come luogo di ambientazione della vicenda è chiaramente ispirato al film Godzilla con Matthew Broderick e Jean Reno, in quanto nel film viene presentata l'isola di Manatthan come un perfetto habitat per un mostro di tali dimensioni. Nel film infatti si spiega che non esiste nessun'altra isola al mondo con certe determinate caratteristiche.
- Sia nella scena iniziale che in quella finale del film, il protagonista descrive ora e luogo delle riprese: in entrambi i casi sono le 6:42 di mattina.

CONSIGLI: Mollate i pop corn, rischiate di farli rovesciare sul pavimento dallo spavento. Film mordi e fuggi, per una serata piacevole con gli amici. Un film da vedere al cinema.... speriamo che esca in versione 3D.

IN UNA PAROLA: Mostruoso

GIUDIZIO 8

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...